Nuovo allarme da parte di Poste italiane in merito alle continue truffe nei confronti dei clienti dell’azienda.

Truffa on line
Truffa on line (Adobe)

In un mondo sempre più collegato alla rete, in cui ogni aspetto della nostra vita è letteralmente visibile, controllabile, verificabile attraverso un computer, uno smartphone ed una connessione al web, bisogna, purtroppo stare attenti a ciò che ci circonda, alle dinamiche che spesso, i malintenzionati mettono in circolo per arrivare ai loro subdoli e loschi obiettivi. La truffa, è uno dei metodi, chiaramente più utilizzati in questo contesto.

La maggior parte delle truffe on line avvengono bene o male allo stesso modo. C’è una comunicazione, fasulla, attraverso la quale si invita l’utente, la potenziale vittima, ad accedere alla propria pagina personale, che si tratti di una banca o di Poste italiane, il link varierà in base alle intenzioni del truffatore, e di confermare quindi le proprie credenziali per i pià svariati motivi, che il truffatore farà attenzione a comunicare.

LEGGI ANCHE >>> La più grande truffa telefonica mai realizzata: i milioni bruciati

Truffe on line Poste italiane in allarme: il raggiro arriva tramite sms

Truffe sms

La truffa on line del momento, quella per la quale Poste italiane chiede massima allerta ai propri clienti, avviene come sempre in maniera del tutto innocua. Basta un briciolo di ingenuità o superficialità nel concepire il messaggio ricevuto e si è subito potenziali vittime dei malintenzionati. La pagina si Poste italiane, ricreata fedelmente, con tanto di riferimento a PosteID e richiesta dello SPID per l’accesso.

Il messaggio in questione recita quanto segue: “Gentile cliente, stiamo provvedendo a sospendere le sue utenze Postali per mancato aggiornamento. Per evitare, accedi a: indirizzowebpirata”.

LEGGI ANCHE >>> Auto in vendita online, occhio alla truffa: così vi svuotano il conto

Altro messaggio che circola con altrettanta persuasiva costanza recita invece: “Per autorizzare l’autenticazione di livello 2 di sicurezza, inserisci il codice indicato. Cordiali saluti”. Facendo riferimento allo SPID ed ai tentativi di violare la nostra privacy. Studiata, insomma, nei minimi dettagli, per provare a catturare l’attenzione degli utenti, dei potenziali truffati, e spingerli a cascare nella rete creata apposta per loro.